Passa ai contenuti principali

AIUTO: Transazione bitcoin lenta o non confermata!

Ultimamente sento sempre più lamentele da parte di utilizzatori di bitcoin perchè le transazioni sono lente o addirittura a volte non confermate per ore e ore se non giorni. Ma vediamo il perchè questo accade.

Prima di tutto facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire in grandi linee come avvengono e come vengono validate le transazioni bitcoin.

Il bitcoin non è che altro un’ informazione digitale a cui si da un valore economico. Queste informazioni sono memorizzate in una complessa ma quanto mai interessante struttura: la blockchain.  La blockchain è una serie di blocchi, consultabile da chiunque, che racchiude tutte lo storico delle transazioni dei bitcoin (dalla prima effettuata ben 8 anni fa, fino ad oggi) e le transazioni dei bitcoin vengono “confermate” dai cosiddetti miner, coloro che mettono a disposizione una potenza di calcolo per poter decriptare le informazioni e così validare le transazioni.
I miner, per svolgere questo lavoro, ricevono una ricompensa in bitcoin.
Questa ricompensa deriva anche dalle fee di ogni transazione (oltre che al premio standard per risolvere i blocchi).



Attualmente i blocchi sono strapieni e quindi i miner, danno la priorità alle transazioni con fee più alte. Per sapere quanto deve essere questa fee, esistono dei siti che monitorano lo stato della rete e indicano quanti bitcoin (o meglio satoshi) bisogna impostare per avere le conferme in un tempo ragionevole.
Uno di questi siti è https://bitcoinfees.21.co/
Come si vede dal sito, in questo momento, per non avere una transazione lenta o non confermata per parecchio tempo bisogna impostare una fee di 300 satoshi per ogni byte.

Se se ne mettono meno ci vorrà molto più tempo per trovare un blocco disponibile a validare la nostra transazione. Se si mette una fee molto più bassa ci potrebbero volere molte ore prima di una conferma sennò addirittura giorni. In casi estremi, fee a zero o estremamente bassa, la transazione non verrà mai confermata e quindi stornata dopo alcuni giorni.

Quindi prima di fare una transazione verificare che la fee impostata sia adeguata.

Post popolari in questo blog

Nuovo convertitore di criptovalute

Ecco a voi CRYPTOCURRENCY CONVERTER, il nuovo convertitore di valute, o meglio di criptovalute. Utilissimo e semplicissimo da usare.

Basta scegliere una qualsiasi criptovaluta (ci sono proprio tutte, dal Bitcoin all'ultima Altcoin uscita), inserire la quantità desiderata da convertire e "magicamente" il sito restituirà il prezzo (ovviamente in tempo reale) in bitcoin, dollari, euro, rubli e yuan contemporaneamente.

Nell' immagine seguente la schermata iniziale del tool:


Poi su "Seleziona Valuta" si sceglie la moneta virtuale da convertire:


Per esempio abbiamo scelto i Monero, inseriamo la quantità, schiacciamo il tasto "Converti" e avremo il suo valore in tempo reale in Bitcoin, dollari, euro, rubli e yuan:


http://www.cryptocurrency-converter.com/it/

TaaS: Token as a Service (ICO)

Questa ICO è una delle più calde del momento. Da quando è stata lanciata (27 marzo 2017) ci hanno già partcipato 1727 investitori e sono stati raccolti la bellezza di 3.000.000 di dollari pagati soprattutto in criptovalute: maggior parte in bitcoin ed ethereum; è anche possibile investire in dollari.

Questa ICO terminerà il 27 aprile2017 e i fondatori di TaaS sperano di avvicinarsi il più possibile alla cifra di 9000 bitcoin, capitale che ottimizzerebbe al massimo lo sviluppo di questo progetto. Iscrivendosi al loro sito e investendo nel loro progetto, in cambio si avranno dei tokens (in italiano gettone). Chi partecipa per prima riceverà dei bonus e riceverà maggiori token. I bonus sono divisi in scaglioni di 1000 bitcoin, ogni volta che si raggiungono 1000 bitcoin i bonus diminuiscono fino ad azzerarsi dai 9000 BTC in su raccolti. Questo è lo schema completo del bonus: 1000 BTC25%2000 BTC 22,50%3000 BTC20%4000 BTC17,50%5000 BTC15%6000 BTC12,50%7000 BTC10%8000 BTC7,50%9000 BTC5%9000+ B…

Nel 2030 un bitcoin varrà...

500mila dollari!!
Ad avanzare questa ipotesi sono due massimi esperti del settore: Jeremy Liew ceo e fondatore di blockchainJeremy Liew, primo investitore di Snapchat.

I fattori presi in considerazione sono tanti. Sopratutto col passare degli anni e lo sviluppo della tecnologia il pagamento dei contanti viene sempre usato di meno e quando il bitcoin avrà risolto tutti i suoi problemi sarà la moneta digitale d'eccellenza: veloce, sicura e con costo di transazione bassissima.



Anche le rimesse avranno un ruolo importante e attualmente stanno crescendo esponenzialmente soprattutto grazie alle instabilità economiche e politiche di molti paesi.

Ciclicamente qualche esperto o qualche testata esce con una stima di quanto varrà un bitcoin tra tot anni. Si azzardano sempre cifre spesso astronomiche, ma che spesso sono state disilluse dai fatti e certo che da qui a 13 anni cambieranno molte cose. L'unica cosa certa è che negli ultimi 4 anni gli utilizzatori di bitcoin sono aumentati da 40…